Mostre a Milano


Milano offre il più ampio programma di mostre e appuntamenti culturali della penisola. In questa pagina puoi trovare una selezione sempre aggiornata delle migliori mostre di Milano che Milanoguida ha scelto per te, tra le quali spiccano quelle organizzate da Palazzo Reale. Trovi informazioni pratiche, una breve descrizione della mostra e le visite guidate disponibili, sempre condotte da storici dell'arte per garantirti la massima qualità nella scoperta delle mostre e dei grandi tesori del panorama culturale di Milano.

 

Per ulteriori informazioni puoi scriverci all'indirizzo info@milanoguida.com - 02 3598 1535

Se sei un gruppo, un'azienda o una scuola scrivi a: gruppi@milanoguida.com - 02 3598 1534

 

 

Milanoguida: le visite guidate che fanno la differenza!

 

N. 1 su Tripadvisor

LEGGI LE RECENSIONI

  

Mostre in corso a Milano


 

Dove: Milano, Museo delle Culture

 

Quando: dal 1 febbraio al 3 giugno 2018

 

Orari Mostra: lunedì: 14.30-19.30; martedì, mercoledì: 9.30 - 19.30; giovedì-sabato: 9.30 - 22.30; domenica 9.30-20.30.

MOSTRA DI FRIDA KAHLO A MILANO

 

Dopo le mostre dedicate a Paul Gauguin e a Joan Mirò, il Mudec di Milano dedica una nuova mostra a un altro geniale e originalissimo protagonista dell'arte del Novecento, la grande pittrice messicana Frida Kahlo.

 

Frida Kahlo nelle sue opere esprime una vita fatta di dolore fisico e psichico: nasce con una spina dorsale bifida, subisce un incidente in autobus che la costringe a letto per vari mesi, sperimenta un aborto spontaneo e svariate infedeltà coniugali da parte del famoso marito e a sua volta pittore Diego Rivera.

 

Frida Kahlo saprà tradurre le difficoltà della propria esistenza nella forza della sua arte. Nelle sue opere comunica una coinvolgente passione per la vita e per se stessa: sono, infatti, numerosi gli autoritratti della donna, in cui utilizza spesso un linguaggio simbolico per comunicare il proprio dolore, con riferimenti alla mitologia azteca e al Messico.

 

Nella sua produzione non mancano richiami al suo incontro con i Surrealisti europei, con cui fu in contatto grazie al tramite di Andrè Breton, personalità da ascrivere nel numero delle sue numerose relazioni artistiche e amorose, tra le quali si contano quelle con il rivoluzionario russo Lev Trockij e la fotografa italiana Tina Modotti.

 

La mostra di Frida Kahlo al Mudec di Milano permetterà al visitatore di approfondire la conoscenza della biografia e dell'arte di questa figura icona del Novecento, immergendolo in un appagamento visivo dato dalle sue variopinte opere, e in un coinvolgimento spirituale ed esistenziale

  

Prenota la mostra Frida Kahlo a Milano

  



 

Dove: Milano, Fondazione Prada

 

Quando: dal 18 febbraio al 25 giugno 2018 

 

Orari Mostra: Lunedì, mercoledì, giovedì:10–19; venerdì, sabato, domenica: 10–20

 

MOSTRA "POST ZANG TUMB TUUUM. ART LIFE POLITICS: ITALIA 1918-1943" A MILANO

 

Con oltre 500 opere di più di 100 autori, la mostra “Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943” alla Fondazione Prada di Milano rappresenta la più ampia e approfondita manifestazione espositiva dedicata all'arte italia a cavallo tra le due guerre. Attraverso la presentazione di fotografie, pubblicazioni originali, lettere, e filmati d'epoca, la mostra racconta il contesto storico, politico, culturale nel quale sorsero i più importanti movimenti e gruppi artistici dell'epoca, dal Futurismo alla Metafisica, da Novecento italiano a Corrente, con un occhio di riguardo anche alla storia dell'architettura e del design.

 

Le opere dei più importanti esponenti dell'arte italiana del Novecento sono allestite in un percorso immersivo, dove la riproduzione in scala naturale delle fotografie degli ambienti espositivi privati e pubblici, quali studi d'artista, abitazioni di collezionisti o spazi delle rassegne nazionali e internazionali, consentirà al pubblico di compiere un vero e proprio viaggio nel tempo e di entrare nella vita di relazione tra artisti, letterati, intellettuali e politici. Oltre a presentare la produzione di artisti del calibro di Giacomo Balla, Carlo Carrà, Fortunato Depero, Arturo Martini, Giorgio Morandi, Mario Sironi, Adolfo Wildt, la mostra offre, infatti, un'occasione di approfondimento su alcune figure chiave della cultura italiana del tempo, come Alberto Moravia, Luigi Pirandello, Margherita Sarfatti.

 

La mostra “Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943” alla Fondazione Prada di Milano permetterà di comprendere al meglio il ricco e complesso clima culturale dell'Italia a cavallo tra le guerre, nel suo problematico rapporto con il regima fascista, nonché di ammirare l'intervento di riqualificazione e di conversione a sede museale degli spazi di Fondazione Prada a opere di Rem Koolhaas.

 

Prenota la mostra "POST ZANG TUMB TUUUM. ART LIFE POLITICS: ITALIA 1918-1943" a Milano

  



 

Dove: Palazzo Reale di Milano

 

Quando: dal 21 febbraio al 24 giugno 2018 

 

Orari Mostra:

Lunedì: 14.30–19.30; Martedì, mercoledì, venerdì e domenica: 9.30-19.30; Giovedì e sabato: 9.30-22.30

MOSTRA "DURER E IL RINASCIMENTO" A MILANO

 

Una grande mostra a Milano dedicata al genio di Albrecht Dürer, considerato a buona ragione il principale esponente dell'arte del Rinascimento in Germania: pittore, matematico, trattatista, incisore, studioso del mondo naturale, l'estro poliedrico di Dürer può facilmente essere associato a Leonardo da Vinci, suo contemporaneo, col quale condivise più di un interesse.

 

Grande viaggiatore e innamorato dell'Italia, di cui seppe apprezzare le ricerche rinascimentali più raffinate, Albrecht Dürer fu in grado di coniugare la ricercatezza intellettualistica delle corti italiane con la maniera tedesca, attenta al dettaglio e alla teorizzazione, dando alla propria opera un taglio originalissimo in cui arte, scienza, esoterismo e modernità si intersecano in suggestioni assolutamente uniche.

 

L'opera di Dürer spazia tra i generi pittorici più disparati, dal ritratto all'arte sacra, dal paesaggio alla pittura di genere, dalla pittura naturalistica al mito, sempre raggiungendo vette di ineguagliata perfezione, tutte supportate da un parallelo lavoro teorico che con le sue intuizioni di matematica, geometria, prospettiva e astronomia, tocca i vertici più altri del pensiero rinascimentale europeo.

 

La mostra di Dürer a Palazzo Reale a Milano è una grande occasione per ammirare una panoramica completa della grande produzione di uno dei maggiori artisti della storia dell'arte, messa a confronto con i più grandi interpreti dell'arte tedesca del tempo, da Lucas Cranach a Albrecht Altdorfer e con i grandi protagonisti della scuola veneta da Giovanni Bellini a Giorgione, di cui è eccezionalmente esposta La vecchia.

 

Prenota la mostra Durer a Milano

  



 

Dove: Milano, Palazzo Reale

 

Quando: dall'8 marzo al 2 settembre 2018

 

Orari Mostra: lunedì: 14.30-19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica: 9.30 - 19.30; giovedì e sabato: 9.30 - 22.30.

MOSTRA "CAPOLAVORI DAL PHILADELPHIA ART MUSEUM" A MILANO

 

Dopo la mostra "Da Raffaello a Schiele" con prestiti Szépművészeti Múzeum di Budapest e la mostra di Manet organizzata con il Musée d'Orsay di Parigi, Palazzo Reale di Milano prosegue la sua collaborazione con le più prestigiose istituzioni museali internazionali con la mostra "Capolavori dal Philadelphia Art Museum". Fondato nel 1876 in occasione dell'Esposizione Universale che celebrava il primo centenario della Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti, il Philadelphia Art Museum è uno dei più importanti musei americani con la sua raccolta di 225.000 opere d'arte che documentano duemila anni di storia orientale e occidentale.

 

All'esposizione organizzata presso la sede milanese sono presenti capolavori dell'Impressionismo e del Postimpressionismo e importanti testimonianze delle avanguardie storiche del Novecento, in un percorso in cui spiccano i nomi di Pierre-Auguste Renoir, Claude Monet, Paul Cézanne, Vincent Van Gogh, Henri Matisse, Pablo Picasso e Paul Klee.

 

La mostra "Capolavori dal Philadelphia Art Museum" a Palazzo Reale a Milano rappresenta pertanto un'occasione per ripercorrere le tappe salienti della storia dell'arte europea, attraverso gli artisti che tra Otto e Novecento rivoluzionarono il modo di concepire la pittura, e per raccontare la storia del collezionismo americano che ha contribuito alla fortuna critica dei più grandi pittori occidentali che ancora oggi riscuotono successo di pubblico in tutto il mondo. 

 

  

Prenota la mostra "Capolavori dal Philadelphia Art Museum" a Milano

  



 

Dove: Milano,Gallleria d'Arte Moderna

 

Quando: dal 16 marzo al 17 giugno 2018

 

Orari Mostra: lunedì: chiuso; martedì-domenica: 9-17.30.

MOSTRA DI GIOVANNI BOLDINI A MILANO

 

La mostra "Boldini. Ritratto di signora" alla Galleria d'Arte Moderna di Milano nasce dalla collaborazione di uno dei più importanti musei della città con la prestigiosa istituzione del Museo Giovanni Boldini di Ferrara. Le opere del pittore conservate alla Gam, quali Treccia bionda e L'americana, dialogano con i più bei dipinti provenienti dalla collezione del museo ferrarese, in un percorso che intende evidenziare l'elaborazione da parte di Boldini di una particolare versione del ritratto femminile borghese e aristocratico, destinato ad avere una grande fortuna internazionale nei primi del Novecento.

 

Formatosi a Ferrara con il padre Antonio, Giovanni Boldini approda a Firenze dove entra in contatto con il gruppo dei Macchiaioli e propone un rinnovamento della pittura di ritratto, passando dalla soluzione a mezzo busto nel formato ovale al ritratto ambientato adottato nel Diego Martelli del 1867.

 

Dopo aver visitato Parigi nel 1867, in occasione dell'Esposizione Universale, e aver soggiornato in Inghilterra all'inizio degli anni settanta, nel 1871si trasferisce definitivamente nella capitale francese dove inizia ad affermarsi grazie alla collaborazione con il mercante d'arte Adolphe Goupil, con cui interrompe i rapporti alla fine degli anni ottanta. A partire da questo momento Boldini diventerà uno dei migliori rappresentanti della Belle Époque, grazie alla maturazione di uno stile originalissimo basato su pennellate guizzanti che rendono perfettamente la vitalità di quel momento storico.

 

La mostra "Boldini. Ritratto di signora" alla Galleria d'Arte Moderna di Milano illustra gli anni del successo internazionale di uno dei più grandi "italiani a Parigi" all'interno di una panoramica sull'arte della Belle Époque, resa possibile dalla presenza, accanto alle opere di Boldini, delle raffinate puntesecche di Paul Helleu, amico e seguace di Boldini, e di tre piccole e intime sculture di Paul Troubetzkoy, scultore cresciuto nel contesto della Milano della Scapigliatura.

  

  

Prenota la mostra Giovanni Boldini a Milano

  



 

Dove: Milano, Palazzo Morando

 

Quando: dal 21 marzo al 15 luglio 2018

 

Orari Mostra: lunedì: chiuso; martedì-domenica: 9.00-13.00; 14-17.30

 

 

MOSTRA "MILANO E LA PRIMA GUERRA MONDIALE" A MILANO

 

Nel centenario della fine del primo conflitto mondiale, Palazzo Morando, sede del Museo di Milano, ospita la mostra “Milano e la Prima Guerra Mondiale. Caporetto, la Vittoria, Wilson” organizzata per ricordare il grande contributo alla ripresa fornito dalla città e dai suoi abitanti in uno dei momenti più difficili della storia nazionale.

 

Documenti e materiali fotografici, buona parte dei quali esposti per la prima volta, tracciano un percorso espositivo che ripercorre gli anni della Grande Guerra, dalla rotta di Caporetto dell’ottobre 1917, attraverso la vittoria del 4 novembre 1918 fino alla visita del presidente americano Woodrow Wilson nel gennaio del 1919. 

 

Fotografie di ospedali, di fabbriche e di scorci cittadini, restituiscono l'immagine di una Milano in piena espansione industriale, economica e demografica, in prima linea nel mettere a disposizione le proprie risorse in nuove forme di solidarietà e di assistenza verso i soldati dagli ospedali specializzati precursori della moderna ortopedia, ai luoghi di incontro come le Case del soldato, fino alle case per i feriti e per le loro famiglie.

 

Nella mostra “Milano e la Prima Guerra Mondiale. Caporetto, la Vittoria, Wilson” presso Palazzo Morando a Milano preziosi materiali provenienti da archivi e collezioni di enti pubblici e privati permettono di immergersi in una pagina fondamentale della storia cittadina e nazionale, in un racconto documentario che trova la sua ideale integrazione artistica, negli stessi mesi, nella mostra "La Grande Guerra. I racconti pittorici di Italico Brass" alla Galleria Gammanzoni di Milano.

 

Prenota la mostra "Milano e la Grande Guerra" a Milano

  



 

Dove: Milano, Fabbrica del Vapore

 

Quando: dal 12 maggio al 9 settembre 2018

 

Orari Mostra:

Lunedì: 15.00 - 22.00

Martedì, mercoledì e giovedì: 10.00 - 22.00

Venerdì, sabato e domenica:10.00 - 23.00

 

 

MOSTRA DI HARRY POTTER A MILANO

 

 Arriva a Milano la mostra di Harry Potter, il maghetto più famoso di tutti i tempi che, dopo aver registrato il tutto esaurito a Chicago, Boston, Seattle, Toronto, New York, Sydney, Singapore, Tokyo, Shanghai, Parigi, Bruxelles e Madrid, vi aspetta alla Fabbrica del Vapore! Tra costumi, oggetti di scena e giochi interattivi la kermesse di Milano promette di emozionare tutti i fan di Harry, Ron e Hermione...

 

La mostra di Harry Potter a Milano vi trasporterà nel mondo incantato di Hogwarts tra potenti streghe, maghi leggendari, cappelli parlanti, scope (e automobili) volanti, pozioni magiche, oscuri Horcrux e intricati incantesimi. Scoprirete finalmente a quale casa appartenete: Grifondoro, Tassorosso, Corvonero o… Serpeverde?!

 

Oltre 1600 metri quadrati di mostra tra oggetti ispirati alla celeberrima saga, costumi originali (compreso il l’abito rigorosamente rosa confetto della terribile  Dolores Umbridge!) e creature (tra le quali l’elfo domestico Dobby, la fedele fenice Fanny e un terribile Dissennatore) provenienti dai set degli otto film campioni d’incassi. La mostra di Harry Potter a Milano vi farà entrare negli uffici dei professori, nella Sala Comune dei Grifondoro, nell’aula di pozioni e in alcuni ambienti molto speciali: la Capanna del guardiacaccia Hagridil campo di Quidditch dove mettersi alla prova lanciando la pluffanegli anelli come un vero cacciatore, la serra di erbologia dove estrarre dalla terra una mandragola urlante, la spaventosa Foresta Proibita.

 

La visita alla mostra di Harry Potter a Milano sarà un viaggio unico per bambini, ragazzi e per tutti gli appassionati della saga che quest'anno festeggia il suo ventunesimo compleanno, un tuffo nell’universo creato dalla scrittrice J.K. Rowling; ovviamente con partenza dal binario 9 e ¾!

 

N.B.: Non è possibile organizzare visite guidate alla mostra di Harry Potter. 



Prossime mostre a Milano


 

Dove: Milano, Mudec

 

Quando: dal 31 ottobre 2018 al 3 marzo 2019

 

Orari Mostra:

Lunedì: 14.30–19.30; Martedì, mercoledì, venerdì e domenica: 9.30-19.30; Giovedì e sabato: 9.30-22.30

MOSTRA DI KLEE A MILANO

 

La mostra "Paul Klee e il primitivismo" al Mudec di Milano intende offrire una nuova prospettiva dell'opera del pittore svizzero, considerato uno dei più originali interpreti della pittura del Novecento. Formatosi a Monaco con Franz Von Stuck, grande maestro del Simbolismo, nei primi anni del Novecento ebbe modo di visitare l'Italia e Parigi facendo così la conoscenza degli Impressionisti e della pittura moderna, da Leonardo a Rembrandt.

 

All'inizio degli anni dieci entrò in contatto con il gruppo del Cavaliere Azzurro di Kandinskij e, a seguire, con l'ambiente cubista di Parigi. Un successivo viaggio in Tunisia lo indurrà a fare del colore uno dei principi della sua arte. Da allora i suoi quadri si caratterizzeranno per un dialogo tra colore e segno grafico, in composizioni dove il reale viene tradotto in dato immaginario.

 

Il repertorio di immagini incantate e ricche di mistero di Klee, se da un lato sembra provenire dal mondo dell'infanzia, dall'altro affonda le proprie origini nel fenomeno del Primitivismo che attraversa la cultura europea tra fine Ottocento e inizio Novecento, influenzando l'opera di artisti quali Gauguin, Picasso, Carrà.

 

La mostra "Paul Klee e il primitivismo" al Mudec di Milano indaga questo specifico aspetto della produzione dell'artista svizzero ponendo a confronto una significativa selezione dei suoi dipinti, acquerelli e disegni con oggetti dell'antichità classicamanufatti della collezione etnografica del Mudec, in un percorso arricchito dalla presenza di riviste e documenti d’epoca legati alla formazione di Klee.

 

 

Prenota la mostra di Klee a Milano

  



 

Dove: Palazzo Reale di Milano

 

Quando: dal 18 ottobre 2018 al 17 febbraio 2019

 

Orari Mostra:

Lunedì: 14.30–19.30; Martedì, mercoledì, venerdì e domenica: 9.30-19.30; Giovedì e sabato: 9.30-22.30

MOSTRA "PICASSO E IL MITO" A MILANO

 

Con la mostra "Picasso e il mito" il comune di Milano prosegue la collaborazione con il Museo di Picasso di Parigi inaugurata nel 2012 per la mostra di Picasso a Palazzo Reale. La nuova esposizione approfondisce il ruolo che il repertorio mitologico ha svolto nella produzione del grande artista spagnolo.

 

Artista innovatore per eccellenza della pittura del Novecento, capofila dell'avanguardia storica del cubismo, Picasso tenne sempre in grande considerazione l'arte antica, di cui poté approfondire la conoscenza grazie ai viaggi a Roma, Napoli, Pompei.Il rapporto con la classicità si manifestò tanto con un ritorno alla figuratività quanto nella frequente rappresentazione di figure mitologiche, con una predilezione per gli esseri ibridi come fauni, centauri e minotauri, simboli di una condizione di ambivalenza tra umanità e animalità, bene e male, vita e morte.

 

In tale immaginario il riferimento alla classicità si fonde ai temi della contemporaneità, come le violenze della guerra, o a suggestioni legate alle origini e al carattere dell'artista, dal mondo delle corrida all'erotismo.

 

Allestita in cinque sezioni, la mostra "Picasso e il mito" a Palazzo Reale a Milano espone 350 opere tra i capolavori del Museo Picasso di Parigi, importanti pezzi d’antiquariato e opere ispirate ai canoni della bellezza classica, in un affascinante percorso che illustra il lavoro di rielaborazione dei dati della cultura antica e contemporanea svolta da Picasso, con una fantasia mai eguagliata.

 

Prenota la mostra di Picasso a Milano

  



 

 

 

 

 

Condividi se ti piace!