villa arconati a castellazzo di bollate


Situata nel Parco delle Groane, nella frazione di Castellazzo di Bollate, che prende il nome da una cascina fortificata di epoca medievale, Villa Arconati è uno dei più interessanti esempi di villa di delizia della Lombardia assieme a Villa Litta a Lainate e Villa Tittoni Traversi a Desio. Le vicende architettoniche della villa si legano alla famiglia Arconati, per due secoli proprietaria e anima del Castellazzo. Fu in particolare Galeazzo Arconati a dare lustro al sito all'inizio del Seicento, promuovendo modifiche architettoniche al preesistente edificio cinquecento e avviando un'attività di collezionista che portò presso la villa la statua di Tiberio, il Codice Atlantico di Leonardo Da Vinci (nel 1637 donato alla Biblioteca Ambrosiana e oggi esposto alla Pinacoteca Ambrosiana) e i diversi frammenti del Monumento di Gaston de Foix del Bambaia, oggi al Museo di Arte Antica del Castello Sforzesco.

 

Il progetto di riqualificazione avviato da Galeazzo Arconati, che prevedeva un'integrazione tra villa, giardino e paesaggio, fu proseguito dai suoi discendenti che entro la fine del Settecento fecero della residenza una delle più eleganti rappresentazioni del barocchetto lombardo. Passata, tra Otto e Novecento, prima ai Busca e poi a donna Beatrice Crivelli, Villa Arconati a Castellazzo di Bollate è oggi sede della Fondazione Augusto Rancilio, da diversi anni impegnata nei lavori di recupero e restauro della villa.

 

Salito il monumentale scalone di onore, il percorso di visita si svilupperà nel piano nobile della villa, dove, superati gli appartamenti delle donne e il Salone della Musica - detta anche “galleria degli stucchi” - incontreremo il magnifico salone affrescato dai fratelli Galliari, chiamati al Castellazzo attorno al 1750 da Giuseppe Antonio Arconati. Completa il percorso la visita al Giardino della villa, dove natura, scultura, architettura si fondono in un suggestivo e incantevole incontro.

 

Durata della visita guidata: 1h 45 minuti circa

Ritrovo: 15 minuti prima

Dove: all'ingresso in facciata di Villa Arconati, via Fametta, Castellazzo di Bollate (MI)


 

Il prezzo comprende:

Visita guidata condotta dal personale interno della Fondazione Rancilio e da uno storico dell'arte in possesso di regolare patentino abilitativo alla professione, tessera e bollino Milanoguida che consentono l'accumulo di bonus per ottenere una visita guidata gratuita.

Contributo per il restauro e mantenimento della Villa Arconati: 8,50 euro

Tot. 16,00 euro

 

 

DATE DISPONIBILI PER LE VISITE GUIDATE

 

 


 

 

 

 

 

Condividi se ti piace!