VIaggio a carrara, dal centro storico alle cave di marmo


 

 

Il viaggio a Carrara e alle sue celebri cave di marmo ci porterà alla scoperta della città che da secoli lega il suo nome all'estrazione del marmo preferito da Michelangelo e dagli scultori di tutti i tempi, accompagnandoci attraverso i tre bacini marmiferi di Torano, Fantiscritti e Colonnata e facendoci conoscere le bellezze del centro storico della città toscana.

 

La giornata prende avvio dal centro storico di Carrara, dove si trovano importanti testimonianze del profondo rapporto tra la città e l'estrazione e la lavorazione del marmo. Prima tappa sarà, infatti, l'Accademia di Belle Arti, una delle scuole di scultura più importanti al mondo, ospitata nell'antico Castello Malaspiniano. Giunti nella splendida Piazza Alberica, dedicata ad Alberico I Cybo-Malaspina, che la ristrutturò nella seconda metà del Cinquecento, ci dirigeremo verso il Duomo di Sant’Andrea, grandioso esempio di architettura medievale toscana in marmi policromi, per poi concludere il nostro itinerario davanti alla dimora di Michelangelo che spesso soggiornò a Carrara per scegliere i blocchi per i propri capolavori, consegnando all'eternità la fama di questo materiale.

 

Nel pomeriggio ci dedicheremo alla visita alle cave, raggiungendo le quali sarà possibile incontrare le numerose aziende dedite alla lavorazione del marmo e gli imponenti dumpers, i camion utilizzati per il trasporto del materiale dalle cave alla valle. Giunti a destinazione, avremo modo di visitare la cava museo Fantiscritti, dove ripercorreremo la storia dell'estrazione del marmo dall'età antica fino ai nostri giorni, illustrando l'evoluzione tecnica dalla tagliata romana al moderno uso del filo diamantato, e dove potremo ammirare la ricostruzione della lizzatura, la tradizionale e assai pericolosa tecnica di trasporto dei blocchi di marmo su slitte di legno.

 

Immersi in un paesaggio spettacolare, potremo così conoscere gli aspetti sociali e tecnici del duro lavoro che da secoli porta avanti l'attività di estrazione e apprezzare le caratteristiche di un materiale da sempre apprezzato per le sue qualità estetiche - tanto da essere il prediletto di Michelangelo, che si recava a Carrara per sceglierlo personalmente, e più tardi di Canova e Rodin - e per i suoi usi pratici, come quello di contenitore per alimenti, in particolare per il rinomato lardo di Colonnata.

 

Il viaggio a Carrara e alle sue cave è un itinerario affascinante alla scoperta della patria del marmo, che ci permetterà di conoscere tutti gli aspetti artistici, sociali, tecnici ed economici legati all'antichissima tradizione dell'escavazione che ha reso la città toscana famosa in tutto il mondo.