visita guidata alla como neoclassica


 

La visita guidata alla Como neoclassica è un viaggio nel tempo che ci permetterà di rivivere il periodo storico compreso tra la fine del Settecento e i primi decenni dell'Ottocento, epoca in cui la diffusione del nuovo gusto neoclassico, connesso alle idee illuministe, trova in Como terreno fertile grazie alla presenza di intellettuali e uomini di cultura che portano all'applicazione pratica di tali concetti teorici.

 

Alessandro Volta, celebre scienziato comasco, rappresenta al meglio l'impegno e la fiducia nello studio e nella conoscenza, celebrato nel centenario della sua morte con l'edificazione del Tempio Voltiano, punto di partenza del nostro percorso.

 

L'itinerario si sviluppa quindi seguendo l'incantevole passeggiata del lungolago sul versante del Borgovico, dove vennero edificate le più lussuose ed eleganti ville di delizie della città a partire dalla fine del Settecento. Tra queste Villa Carminati; Villa Saporiti detta la Rotonda per via della caratteristica parte semicircolare che sporge dalla facciata, progettata da Leopoldo Pollack, uno dei massimi interpreti dell'architettura neoclassica in Lombardia, autore negli stessi anni della milanese Villa Belgiojoso, oggi sede della Galleria d'Arte Moderna di Milano; Villa Gallia, la più antica del rione, e l'ottocentesca Villa Volontè.

.

Il percorso terminerà presso Villa Olmo, edificata per volontà di Innocenzo Odescalchi su progetto di Simone Cantoni, il grande architetto ticinese progettista a Milano di Palazzo Serbelloni. Di Villa Olmo ammireremo la sontuosa struttura architettonica e visiteremo il giardino all'inglese, ricco di sorprese visive e panoramiche, e gli interni del piano terra, impreziositi dal raffinato ciclo di affreschi dedicato alle divinità del pantheon olimpico.

 

La visita guidata alla Como neoclassica permette di ammirare il volto elegante che assunse la città in concomitanza con la diffusione del gusto neoclassico e di ripercorrere il fenomeno della costruzione delle ville di delizia che ha reso il lungolago di Como uno dei luoghi più suggestivi dell'intera Lombardia.