/NEWS   

RAFFAELLO 1520-1483: viaggio alla scoperta di un grande Maestro

Redazione Milanoguida - 27 marzo 2020

Il 6 Aprile del 1520 moriva, improvvisamente, alla giovane età di 37 anni, Raffaello Sanzio. 

La subitanea scomparsa dell’artista gettò tutti nello sgomento, con una commozione che andò ben oltre i confini nazionali. 

 

A Roma furono molti i progetti lasciati in sospeso da Raffaello, che certo non immaginava una morte così giovane. Non solo le Stanze Vaticane non erano ancora state concluse, ma nel frattempo il Sanzio era divenuto anche Architetto della Basilica di San Pietro e Commissario alle Antichità di Roma, sempre per volere di Papa Leone X, con il quale Raffaello aveva stretto un sodalizio artistico fautore di altissimi risultati. 

 

Sempre pieno di committenze artistiche per completare le quali si avvaleva di una organizzatissima bottega, Raffaello teneva particolarmente all’incarico di Commissario alle Antichità che ricevette nel 1515. Questo comportava infatti una grande responsabilità: la mappatura e la rappresentazione grafica delle antichità della Roma dei Cesari, per conservarne la memoria e per celebrare la Roma cinquecentesca. 

 

Così, per celebrare il cinquecentenario della scomparsa del grande artista, le Scuderie del Quirinale di Roma e le Gallerie degli Uffizi di Firenze hanno organizzato una monumentale mostra che avrebbe dovuto inaugurare il 5 Marzo scorso. 

 

Il titolo della mostra nasconde però la novità di questo progetto culturale: “Raffaello 1520-1483”. La mostra si pone infatti l’obiettivo di ripercorrere la vita e le gesta di questo grande artista, facendolo però in un modo inusuale, cioè a ritroso, ossia dall’anno della sua scomparsa a Roma all’apice della fama sino alla sua nascita a Urbino, trentasette anni prima.

 


Una rassegna imperdibile, con oltre 200 opere esposte, passando dai disegni preparatori ai dipinti, dalle lettere agli arazzi e alle incisioni, con prestiti provenienti dai musei di tutto il mondo.

 

Al rammarico di non poter visitare la mostra si unisce, però, la gratitudine dei molti materiali messi a disposizione dalle Scuderie del Quirinale sul proprio canale YouTube e sul proprio sito. 

 

Per esempio, il video “Una passeggiata in mostra” consente di godere della mostra e delle opere esposte, così come le lectio tenute da docenti universitari permettono di approfondire le varie fasi della carriera di Raffaello. Si segnala inoltre un contributo realizzato con la collaborazione di Sky Arte e con la la narrazione di Antonio Paolucci, già Direttore dei Musei Vaticani, dal titolo “Raffaello. Il Principe delle arti”, ed infine altri video che offrono la possibilità di esplorare la mostra e il genio insuperato di Raffaello.

 

https://www.scuderiequirinale.it/

 

https://www.youtube.com/user/ScuderieQuirinale

 /ALTRE NEWS, CURIOSITÀ, APPROFONDIMENTI  


 / VISITE GUIDATE CORRELATE