/NEWS   

Il cinema che ci manca

Redazione Milanoguida - 5 aprile 2020

L’industria cinematografica è stata di certo fortemente colpita dall’emergenza sanitaria: molte produzioni sono state interrotte e tutti i cinema sono stati chiusi, dalle grandi multisala alle sale più piccole dedite a una programmazione d’essai.

Di contro a questo aspetto negativo, il cinema resta  l’unica arte, a differenza del teatro e della arti figurative, che può continuare a essere fruita direttamente dal proprio pubblico grazie alle numerose piattaforme di streaming a pagamento, al palinsesto dei canali tv in chiaro e alle diverse iniziative messe in campo proprio durante questo periodo di “domicilio forzato”.

 

Nonostante tutti gli strumenti e i materiali, abitualmente non accessibili, messi a disposizione, gli appassionati di cinema non possono non sentire la mancanza del cinema come esperienza collettiva: il grande schermo, il buio condiviso con gli altri, la perdita della dimensione spazio-temporale e l’immersione totale, senza distrazioni, nel racconto del film.

Il periodo di lontananza dai cinema può essere quindi un’occasione per riflettere sull’essenza della settima arte, per esprimere i nostri ricordi, pensieri, emozioni rispetto al cinema che c’è, e che ci manca, e in merito al cinema del futuro e dei nostri desideri. 


A tale scopo il cineclub milanese Il Cinemino ha lanciato il progetto “Il cinema che mi manca: pensiamoci assieme”: l’invito è quello di inviare un breve video in cui raccontare il proprio rapporto con il cinema e immaginare il cinema del futuro.

È possibile inviare i video alla redazione del cineclub all’indirizzo mail biglietteria@ilcinemino.it oppure postarli direttamente sui canali social Facebook (https://www.facebook.com/IlCinemino/) e Instagram (https://www.instagram.com/ilcinemino/) con l’hashtag #tornerannolesale. 

 

Un’occasione imperdibile per gli appassionati di cinema per sentirsi uniti condividendo la propria passione e per pensare il futuro di un’arte capace di farci riflettere, piangere, ridere… emozionare!

 /ALTRE NEWS, CURIOSITÀ, APPROFONDIMENTI  

#IORESTOACASA i direttori dei musei tra le sale vuote