/NEWS   

La creatività del J.PAUL GETTY MUSEUM di L.A.

Redazione Milanoguida - 21 aprile 2020

Con le proprie importanti collezioni d’arte, i molti progetti ideati e finanziati nel mondo e con la sua vista impareggiabile sull’Oceano Pacifico, dall’alto della collina di Santa Monica su cui sorge, il Getty Center di Los Angeles è capace di restare nel cuore dei suoi molti visitatori!

 

Il Getty Center può essere definito come un campus che comprende diverse realtà, come il J. Paul Getty Museum (dove sono ospitate le collezioni d’arte), il Getty Research Institute, il Getty Conservation Institute o la Getty Foundation.

 

La storia del Getty Museum inizia in quella che era la residenza di J. Paul Getty a Pacific Palisades, che man mano il magnate americano ingrandì fino a renderla negli anni ’70 una villa di stile anticheggiante in cui conservare le proprie crescenti collezioni d’arte. 

 

Quando, alla morte di J. Paul Getty nel 1976, venne istituito il Getty Trust, ci si accorse di come le collezioni d’arte fossero divenute troppo estese per essere interamente conservate all’interno della villa. Si decise così di cercare un nuovo luogo, dove edificare quello che sarebbe poi divenuto il Getty Center, edificio progettato dall'architetto Richard Meier e inaugurato al pubblico nel 1997 La struttura iniziale – la residenza di J. Paul Getty - divenne nota come Getty Villa e oggi ospita le collezioni di arte antica.

 

Come molti altri musei nel mondo, anche il Getty Museum è purtroppo momentaneamente chiuso a causa della pandemia da COVID-19. Il museo, tuttavia, ha deciso di provare a raggiungere le nostre case attraverso una serie di iniziative disponibili sul proprio sito internet: https://www.getty.edu/museum/


Si segnala ad esempio l’iniziativa Last-Minute Michelangelo: prima della chiusura, era infatti in corso un’importante mostra sui disegni di Michelangelo dal titolo Michelangelo, Mind of the Master: https://www.getty.edu/art/exhibitions/michelangelo_drawings/explore.html.

Per permettere di fruire della mostra anche da remoto, in una serie di video il curatore Julian Brooks ci accompagna alla scoperta dei capolavori esposti: http://blogs.getty.edu/iris/last-minute-michelangelo/

 

Ma non solo. Potete infatti trovare svariati modi per esplorare le vaste collezioni del museo, le mostre che al momento sono state chiuse, le centinaia di libri editi da Getty Publications che possono essere scaricati e letti da casa, podcast sulla storia dell’arte oppure su donne artista, oppure video sulle tecniche antiche, passando dalla mummificazione alla creazione di manoscritti medievali: https://blogs.getty.edu/iris/explore-getty-art-resources-closed-coronavirus/

 

E ci sono suggerimenti anche per i più piccoli, come ad esempio l’idea di disegnare vari oggetti, animali, capigliature…. prendendo spunto proprio dalla fantastica collezione di disegni del Getty: http://blogs.getty.edu/iris/drawing-with-kids-5-ideas-to-stay-creative-with-a-pencil-and-a-piece-of-paper/

 

Buon divertimento! 

 /ALTRE NEWS, CURIOSITÀ, APPROFONDIMENTI  


 / VISITE GUIDATE CORRELATE