/NEWS   

Le mostre negate: l'iniziativa della FONDAZIONE ZERI

Redazione Milanoguida - 16 maggio 2020

Tante, tantissime sono purtroppo le “mostre negate” in questo periodo, ossia quelle mostre che non hanno potuto aprire o han dovuto chiudere prematuramente a causa della pandemia da COVID-19. 

 

Ed è proprio a queste “mostre negate” che è dedicato il ciclo di incontri organizzato dalla Fondazione Zeri di Bologna: una serie di conferenze in streaming sulla piattaforma Zoom in cui ogni giovedì, di volta in volta, i curatori di sei mostre organizzate in musei italiani  presentano quei contenuti di cui – almeno per ora – il grande pubblico non può godere vis-à-vis: http://www.fondazionezeri.unibo.it/it/eventi/incontri-in-biblioteca/incontri-in-biblioteca-2020-mostre-negate/incontri-in-biblioteca-2020

 

La serie ha inaugurato la scorsa settimana con un incontro dedicato alla mostra “Orazio Borgianni. Un genio inquieto nella Roma di Caravaggio”, prima  mostra monografica interamente dedicata a questo pittore organizzata a Palazzo Barberini a Roma, dove sono conservati alcuni capolavori dell’artista: https://www.barberinicorsini.org/evento/orazio-borgianni-un-genio-inquieto-nella-roma-di-caravaggio/

 

Il prossimo appuntamento è giovedì 21 maggio, quando sarà la volta di una mostra unica nel suo genere, “La riscoperta di un capolavoro: Il Polittico Griffoni” allestita a Palazzo Fava a Bologna. La mostra è infatti un’occasione irripetibile per apprezzare il Polittico Griffoni, un capolavoro rinascimentale di Francesco del Cossa e di Ercole de’ Roberti le cui 16 tavole originali, oggi sparse nei musei tutto il mondo, vengono eccezionalmente riunite per la prima volta dopo 300 anni: https://genusbononiae.it/mostre/la-riscoperta-di-un-capolavoro/


Giovedì 28 maggio sarà invece presentata in streaming la mostra “Tiziano e Caravaggio in Peterzano”, organizzata presso l’Accademia Carrara di Bergamo per fare luce sul pittore Simone Peterzano, una figura di spicco nel panorama artistico rinascimentale non solo per essere stato allievo di Tiziano, ma anche per essere stato maestro di Caravaggio: https://www.lacarrara.it/in-peterzano/

 

Giovedì 4 giugno verrà invece data l’occasione di approfondire la mostra “Sfida al Barocco: Roma, Torino, Parigi 1680-1750” allestita presso la Reggia di Venaria a Torino. Una mostra, questa, che intende ripercorrere le sperimentazioni di nuovi linguaggi artistici che presero piede tra il 1680 e il 1750 tra Roma e Parigi, i due centri vitali dell’arte dell’epoca, facendo tappa anche a Torino: https://www.lavenaria.it/it/mostre/sfida-barocco

 

L’ultimo incontro sarà giovedì 11 giugno quando verranno presentate le due mostre allestite alla Pinacoteca Nazionale di Bologna, dal titolo rispettivamente “La fortuna visiva di Raffaello nella grafica del XVI secolo da Marcantonio Raimondi a Giulio Bonasone” e “Alfonso Lombardi: il colore e il rilievo”: https://www.pinacotecabologna.beniculturali.it/it/esposizioni/2-non-categorizzato/2926-un-dialogo-tra-le-arti-a-bologna-nel-segno-di-raffaello

 

Come specificato sul sito della Fondazione Zeri, tutte le conferenze saranno poi rese disponibili sul canale YouTube della Fondazione a partire dalla settimana successiva: https://www.youtube.com/channel/UCKLQcVbRNWWjWXYDAAc6O3w

 

Buona scoperta! 

 /ALTRE NEWS, CURIOSITÀ, APPROFONDIMENTI  


 / VISITE GUIDATE CORRELATE